lunedì 25 febbraio 2013

1000 cornici...

Mi è successo più volte di dover dare consigli su come decorare un ambiente conpiccoli quadri o tante foto... le risposte che posso dare sono diversissime: dipende dalle foto, dai quadri, dal carattere dello spazio in cui si vogliono inserire... si possono fare lavori di grande impatto visivo, senza perdere eleganza.
Quando ero in Spagna ho allestito il piccolo disimpegno che avevamo, con foto di quando io e mio marito eravamo bambini: due infanzie completamente diverse ma unite e mescolate: foto molto diverse, di varie forme e dimensioni unite dal tema delle cornici, tutte uguali e bianche per confondersi col muro e  con vari dispositivi elettronici che erano stati collocati precedentemente in ordine sparso.... (purtroppo non ho la foto del risultato...)

E allora ho pensato di lasciare qui qualcosa che ci possa ispirare nel momento in cui vogliamo decorare le nostre pareti con composizioni fotografiche...
via Anbek Photography

 ...E naturalmente delle immagini che mi piacciono e che raccolgo sempre nei miei boardas di Pinterest!!!
Ho deciso di non commentarle a parte il fatto che si può giocare su molti diversi dettagli:
  • dimensioni;
  • forma;
  • cornice (forma, colore, tipologia, materiale...);
  • tipo di immagine;
  • colore principale dell'immagine;
  • paspartout;
  • composizione...
Il fatto di ripetere un elemento sempre uguale, lasciando gli altri diversi, crea comunque continuità ed ordine, reso ancora più forte se si ripetono insieme più di un elemento. Guardate queste bellissime composizioni che mi ispirano sempre!!!

via vintage&chic

via Decoratica

via Guia para decorar

via Censational girl

via My sparkle world
via apartment therapy
via apartment therapy
via Freshome
via Design to inspire
via Opendeco
via Malangahechoamano




venerdì 22 febbraio 2013

Per fare un Home stager... ci vuole un fiore

Ciao a tutti! oggi voglio raccontare un episodio che mi è successo qualche giorno fa: ho aperto la mia casella di posta è ho trovato una bellissima e-mail di una ragazza che segue con interesse il blog (...e già questo mi ha riempito di gioia!). Lei mi chiedeva se, pur non avendo il background di un architetto o agente immobiliare, avrebbe potuto fare l'home stager.
Allora ci ho riflettuto e ne è venuto fuori questo post dedicato a Irene! Ecco i miei consigli molto personali a chi vuole diventare Home stager!!! (ripeto, molto personali!!!).
via Design to inspire

Ci vuole passione e entusiasmo (sembra scontato no?) ma questi due sentimenti ci devono accompagnare sempre: quando presentiamo una proposta al cliente, quando ci facciamo conoscere ad un'agenzia immobiliare, quando vedremo diffidenza e anche saccenza negli occhi degli interlocutori, quelli che non ci credono, quelli che "in Italia questa professione non ha futuro". Be' se queste frasi convincono anche noi solo per un momento lasciamo perdere... è importantissimo credere in noi stessi, nelle nostre capacità e nella nostra professione!
Grafica di B&A

Ci vuole sensibilità ed empatia: la sensibilità di capire gli spazi e vedere la possibile metamorfosi in meglio della casa, per depersonalizzare un ambiente dopo il passaggio del suo proprietario, non dobbiamo far perdere la personalità dell'ambiente stesso, in fondo dobbiamo farlo risaltare! Invece per quanto riguarda l'empatia, sono dell'opinione che dobbiamo sempre avere in mente lo stato d'animo di chi potrà visitare la casa su cui stiamo lavorando: è marketing e il marketing pensa al cliente!!!
via CIDO

Ci vuole formazione: il bello di questa professione è che ognuno ha un background diverso: io come architetto, altri come agenti immobiliari... ci sono pure dei corsi per approfondire le tecniche professionali e se si cerca in giro se ne possono trovare (Karisma, Home staging school, Staged Homes... ce ne sono altri? ditemelo che li aggiungo!)
via PRWeb

E parlando di marketing ci vuole la consapevolezza che non si tratta di decorazione d'interni, anche se il nostro carattere creativo a volte se ne dimentica... dobbiamo avere sempre in mente l'obiettivo e alla fine chiederci: ho fatto Marketing o Decorazione? Allora torneremo in dietro e toglieremo qualche particolare come faceva Coco Chanel!!
E poi il marketing lo dobbiamo fare su noi stessi: non si tratta solo dell'azione sull'immobile, ma anche della presentazione della nostra professionalità agli altri: teniamo presente che ognuno di noi ha qualcosa che lo rende speciale e unico nella professione: vendiamolo questo qualcosa!
Coco Chanel... via Te lo juro por Louis Vuitton
 
Ci vuole ispirazione, non quella dell'artista, ma quella che ci viene data dall'esperienza di altri, dalle riviste, dalle foto... mantenere la mente e la vista allenata è importante: quando ho tempo libero sono in giro per il web a cercare foto, soluzioni, idee nuove che poi raccolgo in Pinterest, dove ormai ho una "scatola dei ritagli virtuale" ben organizzata e dove vado spesso a cercare spunti: un aiuto veramente grande!
Boards di Before& After

Ci vuole spirito di squadra... eh sì, per me è stato utilissimo sentirmi parte di un gruppo di Home stagers: non siamo soli anzi, pian pianino stiamo "conquistando l'Italia". Personalmente mi sono iscritta a dei gruppi su Facebook, condividendo anche con altre persone dubbi, consigli, esperienze... mi ha fatto crescere molto, mi ha aiutato a fare nuove amicizie e a capire molte cose: siamo tutti molto diversi e questo continuo confrontarsi aiuta moltissimo! ecco i gruppi di cui faccio parte:
Home Staging lovers,  lo dice pure il nome, gruppo dedicato a chi ama l'home Staging, qui sono venuta in contatto con molte realtà diverse e... mi sono piaciute!
Home Stager & Agenti immobiliari, un gruppo che parte dal concetto base che non c'è evoluzione nel mercato immobiliare se fra le due professioni non si collabora, non ci si capisce e conosce, insomma un punto d'incontro e non di scontro!!!
E poi ci sono pagine web di incontro fra professionisti, ma anche di contatto con i clienti come Home staging Corner e Italian Home Staging...
via Freshome
Insomma quando ho iniziato a guardarmi intorno non esisteva nulla di tutto questo e invece ora...  
Fatemi sapere se vi è stato utile questo piccolo elenco personale di HS-consigli (e se mi sono dimenticata di qualche pagina generale di Home Staging correggerò l'errore e imparerò qualcosa di più!)...



lunedì 18 febbraio 2013

Recycling! un appartamento ecosostenibile

Oggi un post molto GREEN, infatti voglio parlare di un argomento che mi sta a cuore: l'ecosostenibilità.
Si discute molto sulla diminuzione delle risorse naturali, non vi preoccupa? e proprio parlando di risorse mi rendo conto che a volte non ci accorgiamo di ciò che abbiamo attorno a noi con consapevolezza: tutto ciò che possiamo riutilizzare può essere considerato risorsa ed il suo riciclo aiuta a mantenere l'ecosistema.
Molto spesso invece di buttare via un vecchio mobile possiamo rinnovarlo, spostarlo, cambiarne l'uso e spesso con piccole modifiche sarà possibile avere un oggetto totalmente nuovo e spesso anche utile!
Mi spiego meglio, con questo video che ci mostra la casa di una Ecodesigner (ma che bel nome per una professione!) a Barcellona.
Per il suo piccolo appartamento lei ha usato solo materiali "green", o prodotti del luogo per evitare l'inquinamento provocato dal trasporto, spesso sono stati riutilizzati vecchi mobili e sul piccolo balcone è stato pure creato lo spazio per il compost! 



Questo è un esempio diciamo "radicale" ma è un punto di partenza, non siete d'accordo?
Tra l'altro mo è stato d'ispirazione per nuove idee di progetto basate sul Recycling!
iniziamo ad essere green
anche nel design e nel restyling!

venerdì 15 febbraio 2013

La mia casa ideale non è una casa qualsiasi: è fatta di dettagli!

Mi piace questo concetto di casa ideale (l'argomento l'ho proposto io!!) perché dà la possibilità di spaziare con l'immaginazione, lascia che si realizzino in un post tutti i miei sogni; loft, villone, piscina enorme... tanto è ideale, nessuno verrà a dirmi quanto costa o chi la pulisce!!!

...e qui già mi blocco: non sono abituata a tutta questa libertà espressiva: il mio lavoro è usare i pali (sì quelli fra le ruote!) e renderli vantaggiosi per il cliente... e per me?
Ho sguazzato un po' fra i miei board Pinterest, là dove raccolgo tutte le mie ispirazioni e chiaramente vi ho trovato di tutto e di più, ma è giunta l'ora di riordinare le idee e di crearla questa casa ideale!!!
Non voglio una casa troppo High tech: preferisco sia accogliente: che ogni suo angolo parli di me e della mia famiglia, insomma il più personale possibile: alle pareti metterò i  miei disegni, i miei schizzi e quegli acquerelli che mi fanno penare e sono convinta piacciano solo a me... (non sono un'artista)
via Oranges and avocados
Ci sarà quindi un angolino dell'arte, con tutti i miei pocci: carboncino, acquerelli e persino il pongo!, ma quest'angolino avrà una bella finestra che guarda il mare (è ideale anche il posto no?)
Questo è il tavolo da lavoro del mio illustratore preferito: Quentin Blake
Avrò una parete creativa, su cui fare murales, disegni e creazioni, per poi disfare tutto, ridipingerla di bianco (o no...) e poi ridisegnarci sopra....
via Home designing
Ci sarà anche un grande studio per il mio maritino, con quelle librerie grandi grandi che mi piacciono tanto e che arrivano su su fino al cielo...
via Home design
In definitiva credo che sarà una casa piena di angolini per noi, affinché possiamo godercela fino in fondo, in ogni suo centimetro quadrato....
via Deco & living
 MA
facendo tutte queste riflessioni sulla MIA casa ideale mi sto perdendo le idee che ho sempre avuto e raccolto, in una confusione simile ad una piccola tromba d'aria, senza inizio né fine, insomma un completo caos!
Perché mi accade tutto ciò? in fondo sono architetto, una persona a cui piace sognare e questo post dovrebbe essere tra i più facili! e invece no... perché quando si immagina senza limiti, senza problemi, si riescono a visualizzare i mille dettagli desiderati nei vari momenti della nostra vita, perché la vita è proprio fatta di dettagli e così la mia casa ideale... e il bello di tutto questo è che in ogni dettaglio del mio sogno sono sempre insieme ad una persona, sempre la stessa...

Questo post partecipa alla Staffetta di Blog in blog, i cui  partecipanti scrivono un articolo pubblicato ogni 15 del mese su un tema fissato precedentemente, poi si fa il giro di tutti i blog, come in una vera e propria staffetta!!!

Ecco la lista dei partecipanti
1. simona elle - http://www.simonaelle.com/search/label/Staffetta%20tra%20blog
2. Persempremamma http://persempremamma.blogspot.it/search/label/dibloginblog
3. Fiori e vecchie pezze http://fiorievecchiepezze.wordpress.com/
4. Mamma & Donna http://www.mammaedonna.info
5. Casa Organizzata http://www.4blog.info/casaorganizzata
6. Federica MammaMoglieDonna http://www.mammamogliedonna.blogspot.it/
7. Micaela LeMCronache http://www.lemcronache.blogspot.it/
8. Elena Bendinelli http://gaia-racconta.blogspot.it/
9. Francesca Lancisi Watercolours http://www.francescalancisi.blogspot.it/
10. Passe-partout http://partoutml.blogspot.it/search?q=staffetta&max-results=20&by-date=true
11. Monica Viaggi e Baci: http://duemoritravelblog.com/
13. Laura Coppo http://www.lauracoppo.it/il-mio-blog
14. Cristina http://udinelamiacittaenonnapina.blogspot.it/search/label/Staffetta%20di%20blog%20in%20blog
15. CeciliaKi http://ckmystyle.blogspot.it
16. La Torre di Cotone http://www.latorredicotone.com
17. Sanzio e MOnica Tosihttp://monicc.wordpress.com/category/di-blog-in-blog/
18. La Diva delle Curve http://www.divadellecurve.com/search/label/staffetta
19. Before & After http://beforeandafterhs.blogspot.it/
20. mammerri www.mammerri.com
21.Quellocheunadonnadice http://quellocheunadonnadice.blogspot.it/
22.Vivere a piedi nudi http://vivereapiedinudi.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
23. Il Pampano http://ilpampano-designbimbi.blogspot.it/
24. La bussola e il diario http://bussoladiario.com
25. Accidentaccio http://accidentaccio.blogspot.it/
26. Pattibum http://pattibum.wordpress.com
27. Design Therapy http://www.designtherapy.it/
28. Debora Uberti http://crescereduegemelli-debora.blogspot.it
29. The Family Company http://familyco.wordpress.com/
30. GeGe Mastucola: http://gegemastucola.wordpress.com/
31. Danila http://www.dispariepari.it/category/social/
32. I Viaggi dei Rospi http://www.iviaggideirospi.com
33. Amarcord Barcellona http://amarcordbarcellona.blogspot.com.es/
34. Mother of Two http://mammadisem.blogspot.it/
35. Il mondo di Cì http://ilmondodici.blogspot.it
36. Diario magica avventura http://lamiadolcebambina.blogspot.it/search/label/staffetta%20di%20blog%20in%20blog
37. Illustrando Un Sogno http://silviomacca.blogspot.it/search/label/Di%20Blog%20in%20Blog%20-%20Staffetta
38. Samanta Giambarresi http://samantagiambarresi.wordpress.com/
39. Arianna http://www.conlemaninelsacher.blogspot.it/
40.Home-Trotter http://www.home-trotter.blogspot.it
41 http://www.ilsaporedelsole.it
42 Il Caffè delle Mamme http://www.ilcaffedellemamme.it
43 Le due coccinelle http://www.leduecoccinelle.it/
44. Mammamanager http://mammamanager.altervista.org
45. Ma la notte no! http://malanotteno.blogspot.it
46. GocceD'aria http://www.goccedaria.it/tag/goccedaria/staffetta%20blog.html
47. Idea Mamma http://www.ideamamma.it
48. Mammachecasa! http://mammachecasa.blogspot.co.uk/search/label/Staffetta%20Di%20blog%20in%20blog

mercoledì 13 febbraio 2013

Collaborazioni tra blog!

Ciao a tutti! poco a poco mi sto addentrando sempre di più nel mondo del blogging, web writing, "guest posting"...
Mi sento sempre più a mio agio fra queste parole così strane fino a poco tempo fa, ma ormai questo universo virtuale sembra avvicinarsi sempre più ad un mondo "quasi reale".
Tralasciando tutte le possibilità relazionali del web, che sono egregiamente spiegate in questo post della mia amica Simona, passo subito al punto: proprio grazie al web sto iniziando ad avere nuove relazioni con altre bloggers e la prima, la primissima è questa: mi sono vista con Simona, blogger professionista, che scrive su
  • HPS, una pagina che si occupa di fornire servizi di Home personal shopping, una novità in Italia, che solo una ragazza lungimirante poteva abbracciare con entusiasmo come ha fatto Simona!
 
  • Bagni dal mondo, un sito pieno di ispirazioni sul mondo dei Bagni e quando scrivo "mondo" faccio sul serio! Vengono raccolti viaggi, esperienze e tradizioni da ogni puno del globo: tra bagni colorati, essenziali o totalmente eccentrici, è riuscita a trasformare una zona considerata di servizio in un'esperienza! Io sto imparando moltissimo da questa pagina!




Dal nostro incontro ne è venuta fuori una breve intervista, una chiacchierata sui bagni spagnoli e quelli italiani: evoluzioni e tendenze che si sono fatte strada negli ultimi anni e qualche chicca su materiali e tecniche tradizionali della costa del Levante. Qui sotto la foto del nostro incontro dal titolo:

Viaggio nei bagni di Italia e Spagna,

tra similitudini e differenze

via Bagni dal Mondo
Questo è anche il momento di presentare la nuova Pagina di Before & After (in alto, sul menu: Pagine amiche) in cui raccoglierò le piccole collaborazioni con altre pagine: Simona, sei stata gentilissima, primo posto per te nella nuova pagina!

lunedì 11 febbraio 2013

Le 6 R...+1 dell'Home staging fanno 7



Cercando nel web troviamo molte pagine che, per spiegare i concetti dell'Home staging, elencano le 6 R, oggi lo farò anch'io, ma cercherò di dare una spiegazione di ogni punto, affinché non rimanga solo un elenco di 6 parole e lo farò come sempre allo stile Before & After ...infatti poi ne ho aggiunta una , se volete scoprirla andate alla fine del post!
via My zero waste
1) Ridurre

È facile nella vita di una famiglia accumulare dettagli che riportano la mente ad un viaggio, ad un evento o n ricordo particolare: sono tutti oggetti che rendono la casa affascinante per i nostri ospiti, ma troppo piena e dispersiva per i clienti: togliendo gli oggetti personali permettiamo al potenziale cliente di percepire la casa nella sua essenzialità e di immaginare i suoi propri oggetti personali all’interno di essa. (qui qualche consiglio per il decluttering)

via She knows
2) Rinfrescare

Quando una casa è vissuta, è anche in qualche modo consumata: è facile trovare qualche ombra scura sui muri, l’impronta del quadro che dominava da anni le pareti, l’odore dell’animale che da sempre ci fa compagnia… Rinfrescando la casa sia nei colori che negli odori, dando una bella lavata alle tende, si dona un'aria nuova all'ambiente: giochiamo con colori ed odori neutri e piacevoli come una casa zen.

via Diy life
3) Riarredare

Ognuno ha diversi interessi e bisogni, per questo le case non sono tutte uguali…c’è chi dà più importanza al soggiorno, chi alla cucina: spesso il bellissimo salotto di una coppia appena sposata si trasforma in ampio spazio giochi per il bimbo arrivato da poco… La casa è vissuta e modellata in base alla vita degli inquilini e così dev’essere, ma nel momento in cui la mettiamo in vendita, dobbiamo dimenticare tutto questo e “resettare” l’arredamento, riportandolo ad una situazione di facili percorsi ed usi: tutto pronto per essere di nuovo “modellato” e personalizzato soprattutto agli occhi di chi visita l’appartamento!

via The maisonette
4) Rivalutare

Il compito di un buon Home stager è riuscire a portare alla luce tutte le migliori caratteristiche dell’immobile su cui lavora: attraverso le “R” precedenti scova i punti di forza della casa e li mette in mostra. Valorizza al meglio gli ambienti e ne tira fuori la vera personalità (occhio: non la personalità dell'inquilino, ma quella della casa!), sono convinta infatti che ogni casa ha una sua personalità particolare e solo ritrovandola è possibile tirare fuori il meglio di lei!

via Living frugal tips
5) Riparare

Dopo anni di utilizzo c'è sempre qualcosa da fare (il tempo non perdona!), ripariamo i piccoli difetti prima che arrivino i potenziali clienti! Mettere a posto un rubinetto che perde è sempre meno costoso dello sconto che richiederà il cliente al notarlo! è chiaro però che se i problemi riguardano l'immobile dal punto di vista strutturale, non basta contattare un Home stager: bisogna valutare seriamente se vale la pena investire in una completa ristrutturazione.
via Labho
6) Ripulire
Non c'è nulla di più invitante ed accattivante di una cucina splendente, di pavimenti che riflettono la luce naturale delle finestre, di bagni profumatissimi e luminosi... ve la comprereste anche voi una casa così eh? Ecco spiegata la 6ª "R"! (facciamolo ogni giorno!)

...e l'ultima R? questa ce la metto io anche se sono sicura che molti saranno d'accordo con me! 

foto (di me!) by Giulio Bardelli
7)Rappresentare! 
...insomma dopo tutta la fatica che abbiamo fatto per mettere in pratica le precedenti R, non possiamo mica tenerlo tutto per noi! un'azione di marketing immobiliare che si rispetti si conclude mostrando tutto il lavoro svolto, lo pubblica e lo diffonde in giro, partendo dalle foto del dopo (l'After nel mio caso ^_^), ma anche attraverso la rappresentazione grafica degli ambienti: come ho già detto precedentemente qui, una buona planimetria chiarisce le idee! si possono fare anche delle pagine web dedicate, per gli immobili di maggior pregio, poiché dobbiamo far vedere quanto vale veramente la nostra casa!

Conclusioni: Prendere in considerazione tutti questi aspetti quando si vuole vendere la casa è difficile e faticoso, per questo affidarsi ad un Home stager professionista è la soluzione migliore per mettere in mostra la propria casa nel modo migliore.  
La concorrenza è spietata,
esserne all'altezza però è possibile!

venerdì 8 febbraio 2013

Inaugurazione B&A + mini-progetto (3)

Ciao a tutti! siamo alla fine di questa settimana un po' "autocelebrativa"... ma ogni tanto va bene, se non si esagera, e prometto che è l'ultimo post sull'inaugurazione!!
Dopo aver visto la prima parte dell'aperitivo ed il progetto vero e proprio, mi lancio con le foto conclusive.

Per la realizzazione del progetto volevo sottolineare un dettaglio importante nel mio concetto di restyling: io mi sono occupata di progettare e consigliare accompagnando il proprietario a scegliere colori e tessuti (ho fatto pure de Home shopper!), dandogli consulenza per quanto riguarda posizione di mobili e oggetti, ma le scelte finali rispecchiano soprattutto il suo gusto personale ed è questo che mi interessava: lasciare che venisse espressa la sua personalità;  per questo motivo alcuni dettagli sono diversi dai disegni del precedente post!

Per rendere invece quest'articolo un po' più leggero, ho raggruppato le immagini in collages grazie ad un'applicazione di pixlr.com (ve la consiglio vivamente per piccoli ritocchi fotografici!).
Dopo il Before, ecco a voi l'attesissimo After!!
Ed ecco anche alcune immagini del bellissimo aperitivo svoltosi in questa... "location" appena rinnovata. Grazie Luca per la possibilità di fare tutto questo!
Foto by Giulio Bardelli (tranne quella troppo esposta che è mia...in basso a sx)

Concludendo l'articolo non posso dimenticare di ringraziare tutti gli amici che hanno partecipato al mini-evento, chi ha collaborato alla realizzazione (Luca, Ale e Valentina), il fotografo (Giulio) e il mio Luismi che mi appoggia sempre e tutti quegli amici ache mi seguono da lontano!
Ho conosciuto persone proprio interessanti e rivisto amici dopo tanto tempo, insomma, non poteva andare meglio!
GRAZIE A TUTTI DI CUORE!!!

Foto by Giulio Bardelli (tranne la prima in alto...che lo ritrae)

...e se avete notato l'ultima immagine in basso a destra, avrete indovinato la chicca della serata: il regalino che ho fatto al padrone di casa, due stampe riguardanti le sue passioni: VESPA & RUGBY, in fondo non era questo lo scopo del progetto?
Nota finale: poiché le foto sono moltissime e non ho potuto inserirle tutte, potranno essere viste nell'album dedicato nella pagina facebook di Before & After (ci sarà prestissimo!).

mercoledì 6 febbraio 2013

Inaugurazione B&A + mini-progetto (2)

Eccoci alla seconda puntata dei post-racconto di questa settimana... (la prima puntata la trovate qui) oggi parlerò del progetto vero e proprio!! Durante l'inaugurazione, era riassunto in questo cartellone esposto nel soggiorno.
La situazione iniziale in cui mi sono trovata era del classico appartamento di proprietà della nonna, poi passato al nipote, con mobili, vecchi libri e vecchi ricordi accumulati negli anni. In questa situazione l'attuale inquilino non si trovava nella possibilità di esprimere la propria personalità, soprattutto in un ambiente come il soggiorno: zona di accoglienza per gli ospiti e (diciamolo pure) di marketing personale
  • La libreria principale era piena di libri, l'ingresso dominato da un enorme specchio era appoggiato su una bellissima cassapanca, che però, fungendo da appoggio non era per niente valorizzata.
  • Di fianco al muro di separazione fra entrata e soggiorno, un armadio di recupero strozzava il passaggio e non era ben messo in mostra (si tratta infatti di un bel pezzo di modernariato).
  • Le pareti bianche e spoglie, oltre alle grandi finestre senza tende potevano essere valorizzate con un po' di colore e con la luce del sole filtrata.
  • La poltrona all'angolo non aveva uno spazio suo proprio e dava una sensazione di "soffocamento".
BEFORE! by B&A
E qui il moodboard che ho presentato, cercando di rispecchiare la vera personalità di Luca e i suoi interessi, uno stile quindi dal sapore industriale e sportivo:

Per quanto riguarda il progetto/consulenza vero e proprio...
  • Si trattava innanzitutto di procedere al decluttering degli oggetti e mobili in eccesso: via la poltrona, spostiamo lo specchio al posto del mobile/armadio dando aria e protagonismo sia allo stesso specchio che alla cassapanca; fuori anche vecchi libri e videocassette, lasciando solamente in mostra quelli che veramente rispecchiano la personalità del proprietario.
  • Si è deciso quindi di aumentare il numero di mensole (mensole ikea) sopra il termosifone lasciando quella esistente come elemento di rottura (vecchio/nuovo).
  • Sono state montate le tende;
  • Sulla libreria si sono collocati i libri più importanti, quelli che parlano di viaggi, di Vespa e di Ruby, nonché gli oggetti decorativi, evitando di caricare eccessivamente la libreria.
  • Dietro il divano in pelle nera si è pensato ad una mensola tipo Ribba-Ikea per i piccoli oggetti o quadretti da mettere in primo piano, mentre sulla grande parete bianca  si è pensato ad una composizione di diverse lamine che formassero un'immagine sola sempre a tema VESPA;
  • la parete dell'ingresso è stata completamente dipinta di un azzurro acceso, per sottolineare la forte personalità sia del prorietario sia dell'elemento architettonico che da semplice parete divisoria diventava così parte del soggiorno intero inglobandovi l'ingresso.
  • Questo è stato possibile anche grazie al nuovo posizionamento "strategico" dello specchio, anch'esso laccato dello stesso azzurro, in modo da portare l'ingresso in soggiorno e viceversa. Ecco che lo spazio si è duplicato, il passaggio si è allargato e tutto ha un aspetto più leggero.
  • Infine si è previsto sulla parete dell'ingresso una scritta rappresentativa: si legge vero?
...il "dopo" alla prossima puntata!!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...