lunedì 24 giugno 2013

Oggi più che mai c'è bisogno di movimento!

Buon giorno a tutti! oggi farò un post un po' anomalo: palerò di iniziative o meglio di movimenti che stanno girando attorno alla mia vita in questo periodo particolare.
Si tratta di gruppi di persone che hanno deciso di FARE, di MUOVERSI, di CRESCERE e INFORMARSI, senza sedersi di fronte alle difficoltà che oggi sembrano dominare i discorsi di tutti e anche le nostre vite... sono persone stimolanti, che fanno RETE e si mettono in gioco in prima persona per EVOLVERSI, ma non da soli!

Sto cercando di partecipare: metto del mio per poter fare rete e per apprendere sempre di più anche dalle altre menti che come me, vogliono FARE.

Il primo gruppo di cui faccio parte da ormai quasi un anno è PERSONE CURIOSE (ce n'è uno a Padova, ma anche a Mestre!), nato dalla voglia di condividere esperienze, idee, confrontarsi con persone e crescere affrontando argomenti ogni volta nuovi e diversi. Contribuisco attivamente alle riunioni partecipando sia alla parte grafica che social, insieme a persone (curiose come me) che mi hanno veramente stimolato ad andare avanti ed a non mollare!
Oggi stesso ci sarà un grande evento alla Fornace Carotta di Padova. Ci sarò anch'io!!!
L'altro gruppo si chiama E pur si muove ed è appena nato, tra l'altro dalle stesse menti che hanno fondato Persone Curiose! Si tratta di un evento (6 Luglio al Villaggio solidale di Mirano) che raccoglie persone e associazioni di diversi tipi, argomenti, obiettivi ma che hanno una cosa in comune: si muovono!! Nessuno dei partecipanti è rimasto fermo, ma è andato avanti col volontariato, col lavoro, con le iniziative e con le idee. Come dicono nella pagina d'inizio:
"Volevamo riunire tutte queste persone in un solo posto, volevamo conoscerli e parlare con loro, volevamo starli ad ascoltare per lasciarci ispirare dalle loro storie e vedere i loro progetti, volevamo bere qualcosa con loro e assorbire un po’ della loro energia, volevamo stare insieme per condividere l’entusiasmo e lasciarci contagiare, volevamo trovare un’occasione per incontrarci tutti insieme e iniziare a creare una rete."
Vi lascio il loro video di presentazione che spiega tutto sicuramente meglio di me!!!


E anche qui cerco di partecipare condividendo idee e la mia creativitá grafica!!! Mi hanno pure dedicato un post qui, tra i partners!!!!
Allora, cosa fate ancora fermi? Muovetevi, condividete, fate rete! É bellissimo e stimolante!..
...presto altre novità sul fare rete anche nel campo dell'HOME..... ma ve ne palerò un altro giorno!

venerdì 21 giugno 2013

Quella foto enorme...


In questo periodo mi sto facendo la cucina e sono talmente ossessionata da questo che mio marito mi ha ricordato che è solo una cucina: non il Guggenheim museum!
Il fatto è che il mio spirito così volubile vorrebbe che l'ambiente culinario potesse essere intercambiabile, trasformabile, ma forse è proprio uno degli spazi che evolvono meno in una casa: una volta scelta, resta quella per molti anni!
La soluzione è stata usare colori neutri e chiari e giocare con tutto ciò che vi sta attorno...
Un ambiente quadrato, con i mobili disposti ad L, una parete finestrata ed una parete totalmente libera mi ha portato a giocare proprio con quest'ultima!
L'idea è di aggiungere una gigantografia, una bella foto che renda allegro l'ambiente così neutro... allora prima di mostrarvi il progetto vero e proprio.... ho deciso di ragionare un po'!
Come fare e dove mettere la gigantografia?
Inizio ripassando uno dei miei boards preferiti di Pinterest: Ideas for walls, in cui raccolgo tutti i muri interessanti che vedo in giro per la rete...
via coffee break
Carta da parati di Wall & Deco
via Delikatessen

via Home designing
D'altra parte, le foto che ho appena postato illustrano ambienti grandi, spaziosi, luminosi e nelle case più "normali" possono risultare pesanti o addiritttura stufare... ora, trattandosi comunque di un piccolo investimento  (e oggi bisogna stare attenti anche a questo), ho pensato di considerare altre opzioni che permettono di personalizzare ancora di più il soggetto (perché anche quello è importante!)
via Design to inspire
Questa soluzione qui sopra permette per esempio di fare una composizione anche artistica di una propria fotografia. Se notate, i fogli non sono perfettamente aderenti alla parete, ma creano un effetto di sovrapposizione che da movimento e dinamismo alla parete! Mi piace! (purtroppo il materiale usato non è proprio adatto ad una cucina...)
via girlinair
Simpatico anche lo stile "fototessera da cabina americana" ; nel link qui sopra viene pure spiegato come realilzzare la gigantografia... io lo vorrei da pavimento a soffitto! Sicuramente l'effetto è molto personale!
via tales from the crib
...e anche per questa soluzione troviamo un tutorial dettagliato ed interessante!
Dopo questa carrellata di immagini poi faccio ancora un paio di considerazioni molto personali:
  • Preferisco un'immagine che abbia a che fare con la mia piccola famiglia (siamo solo in 2!) a una foto generica di qualcosa che non ha molto a che fare con la mia vita....
  • Il/ i colore/i da scegliere dovranno star bene con quelli dell'ambiente in cui verrà situata la composizione/mural... nel mio caso ho il pavimento in cotto e il tavolo in ciliegio...credo che invece del bianco e nero sceglierò un seppia o un terra di Siena...spero sia possibile!
  • I materiali dovranno essere anch¡essi adatti all'ambiente: sicuramente dovranno essere più resistenti trattandosi di una cucina: protetti da un vetro o vinilici!
  • Se opto per una composizione, so che non necessariamente questa sará quadrata o rettangolare...
  • non è mica detto che dietro la foto, la parete debba essere proprio bianca! 
  • Dimenticavo le scritte, cosí di moda in questo periodo... ma questa volta opto proprio per un'immagine, le scritte le lascieró per un'altra stanza!
via apartment therapy
Insomma questa parete un po' creativa per me è importante e voglio farla bene!
Presto il progetto sia della parete che della cucina.... Stay tuned!

lunedì 17 giugno 2013

Quando arte e interior design si fondono insieme...

Buon giorno! Eccomi qui oggi a parlare di un evento un po' particolare a cui ho avuto l'opportunità di assistere sabato sera: come annunciato un piccolo post della pagina FB, sono stata a Vigonovo (VE) in una giornata in cui tutti i commerci aprivano le loro porte anche la sera, a patto di offrire qualcosa in più, ospitare un evento o proporre qualche servizio particolare...
Già questa mi sembra un'iniziativa bellissima, ma entrando nel particolare, mi ha emozionato proprio l'idea di Ferraresso Arredamenti  (ne ho già parlato qui!!!) per festeggiare la serata e per promuovere la propria attività.
Il negozio, che già ospita una bellissima esposizione di mobili contemporanei, ha accolto un'associazione di fotografia (Frequenze visive), i cui iscritti hanno avuto l'opportunità di mostrare le proprie foto in uno scenario differente: "una galleria d'arte arredata".
Il bianco e nero, se ben fatto, dà carattere ed eleganza
Ecco allora come da un lato le foto hanno assunto un significato differente diventando oggetto d'espressione artistica, soggetto inquadrato, ma anche elemento decorativo, che valorizza i mobili presenti.
 
Dall'altro lato invece, il negozio stesso diventa scenografia e galleria, lasciando che ogni pezzo venga arricchito dal tocco dei giovani fotografi presenti.
Ho fatto anch'io qualche foto...non così artistica, ma sicuramente rappresentativa di quello che sto cercando di esprimere...!

I colori di Venezia e del sole sulla sabbia entrano magicamente nel soggiorno
Concludo con consigli/considerazioni deco che mi sono venuti in mente vivendo quest'esperienza...
  • non sottovalutiamo il potere di una bella opera d'arte: che sia grafica, pittorica o fotografica possono cambiare completamente una parete!
Qui sembrava che le foto e il letto fossero stati prodotti insieme!Anche la disposizione, infatti, è importante!
  • la disposizione spaziale è importante: progettiamola bene prima di appendere qualcosa!

Fantastiche le food pictures, associate alla cucina!
  • lo avete notato che la scelta delle foto è stata fatta tenendo in considerazione i colori, ma anche il tema dei mobili? È importante, a patto che poi l'opera appesa sia di qualità.

Foto e accessori collaborano per dare tocchi di colore agli ambienti iù essenziali della cucina
  • L'opera alla parete può riferirsi o valorizzare anche piccoli oggetti di decorazione che vogliamo mettere in particolare risalto.
Faccio i complimenti agli artisti e professionisti dell'arredamento che hanno collaborato realizzando con pochi tocchi ma molta passione questa bella mostra! I giovani fotografi che hanno partecipato a quest'iniziativa sono:
  • Filippo De Liberali
  • Francesco Cicolrella
  • Francesco Zaramella
  • Giada Sacrestano
  • Maria Grazia Colcera
  • Nicole Paccagnella
  • Paolo Mezzalira
  • Rita Rossi
  • Simona Malerba
  • Stefania Vilardo
  • Valentina Della Valle
L'esposizione durerà ancora per qualche giorno...
Teneteli d'occhio!!!

giovedì 13 giugno 2013

I 5 sensi dell'Home Staging + 2...

...e naturalmente questo articolo vale anche per il Restyling
Buon giorno! abbiamo detto tante volte che l'Home staging è un'attività di marketing basata sul prodotto, che questo prodotto deve stuzzicare la curiosità e l'interesse del potenziale cliente e che tutto il lavoro svolto ha un solo scopo: provocare l'amore a prima vista! Allora come una bella ragazza che si prepara a sedurre l'uomo dei suoi sogni, anche la casa dev'essere affascinante, provocante e lo fa con tutte le armi a sua disposizione, attaccherà da molti fronti per stimolare i 5 sensi del cliente, ma cosa dico 5, i sensi sono molti di più! Iniziamo dai 5 conosciuti o forse da quello più scontato:

Vista: chiaramente non ripeterò le 6 R dell'home staging (+1!) per rendere la casa visivamente più attraente; ricordo solo l'importanza dell'illuminazione. Cerchiamo di lasciare accese le luci che creano l'atmosfera migliore: non sempre avere tutte le lampade in funzione migliora la situazione: si rischia di abbagliare il cliente, ma evitiamo comunque di creare un ambiente troppo soffuso: non dobbiamo conquistare il suo cuore, ma la sua testa!
Lascio solo qualche immagine, di quelle che farebbero "innamorare" chiunque ... 
via Design to inspire

via design to inspire
via Design to inspire
Udito: eh qui è molto difficile scrivere o aggiungere immagini, mi basta solo dire che chiaramente durante la visita evitare rumori molesti è una delle prime cose da tenere in mente, l'ideale sarebbe riuscire a riempire l'ambiente con note calme e tranquille: personalmente consiglio jazz o blues di sottofondo: sempre elegante, ma non troppo protagonista. L'home stager dovrebbe rassicurarsi che l'inquilino attuale o l'agente immobiliare si occupino di questo dettaglio, l'atmosfera sarà sicuramente migliore!

Olfatto: qui siamo già al livello successivo: guai lasciare che ci siano cattivi odori! Se un oggetto fuori posto può essere anche perdonato, il naso è uno dei giudici più severi e intransigenti: un buon odore è consigliabile (viva gli ambientatori!) ma la cosa più importante è non esagerare! Sembra facile, ma il classico olezzo da chiuso o da cibo per cani rimane impresso nella mente, per non parlare dell'abuso delle fragranze, che può essere anche peggio!

Tatto: avete notato? nonostante i cartelli "non toccare" esposti nei negozi, l'istinto di sentire con le mani gli oggetti che ci circondano e che potremmo volere è più forte di noi! Ecco perché nell'home staging è importante curare pure quest'aspetto: passare una mano su quella bella credenza e trovarsi il dito pieno di polvere fa solo pensare che la casa non è stata ben curata in precedenza, sentire un bel cotone toccando le lenzuola del letto, porta a immaginare che si può dormire benissimo in quella stanza... Nei negozi di mobili se avete notato, le lenzuola sono morbide e belle; ora sapete il perché.
via f-olk
via plan easy home

Gusto... no, tranquilli, non vi dirò che chi visita casa darà una leccatina all'armadio per sentirne il sapore... ma anche il gusto è un senso con un forte impatto psicologico, tanto che in America, dove l'open house è molto praticato, cercano di far trovare un bel dolce fatto in casa e ancora fumante... così prendono due piccioni con una fava: stuzzicano sia gusto che olfatto! (astenersi cuochi disastrosi...).

ed eccomi quindi ai sensi meno comuni...

Termopercezione: eh sì, perché entrare in un forno d'estate o in una ghiacciaia d'inverno influisce moltissimo sulla prima impressione! Se non abbiamo ancora staccato la corrente, facciamo in modo che l'ambiente sia accogliente anche dal punto di vista della temperatura, oltre a sentirsi a proprio agio (tutti, pure l'agente immobiliare), nessuno avrà il bisogno impellente di uscire da lì, per quanto bello e profumato sia l'ambiente!
via stufe caminetti stube
Propriocezione ("la capacità di percepire e riconoscere la posizione del proprio corpo nello spazio" evviva Wikipedia!) sembra strano, ma la disposizione dei mobili e degli oggetti non aiuta solo la sensazione visiva di equilibrio, ma anche quella spaziale: la consapevolezza di potersi muovere agevolmente nello spazio è importantissima e inconsciamente è uno dei fattori chiave per il gradimento di una casa, per questo l'Home stager professionista saprà sicuramente creare dei percorsi semplici, e dalle giuste misure, in modo che il futuro visitatore non si senta oppresso, ma anche perso nello spazio. Quest'ultimo concetto è spesso dimenticato, ma credetemi, è anche il motivo per cui gli appartamenti arredati, anche con mobili di cartone, hanno più possibilità di piacere!

...e voi avete qualche altro senso "nascosto" da suggerire?

mercoledì 5 giugno 2013

Il red lipstick del restyling!

OK, siamo in crisi, ormai non è una novità: ne sentiamo di tutti i colori, ma soprattutto di ROSSI, infatti non tutti sanno che la vendita dei rossetti aumenta nei momenti di ristrettezze economiche globali, tanto che si parla di lipstick effect durante la recessione economica! Si pensa che questo accada perché in mancanza di soldi per vestiti nuovi, si preferisca puntare su un accessorio d'effetto, come il classico Rossetto rosso e come tutte sappiamo, le labbra rosse OGGI vanno proprio di moda!
via Bizdom
Ed ecco la mia riflessione "style": se il trucco per rinnovare il guardaroba senza spendere troppo è munirsi di vestiti classici o meglio semplici ed essenziali, di colori neutri, ma accessori colorati per creare ogni volta nuovi looks (e qui mi fermo visto che non ho un blog di moda), allora
nella casa che succede?

Ebbene succede la stessa cosa! per questo oggi si parla tanto di restyling, di riuso dei vecchi mobili e di soluzioni differenti a interventi radicali nei nostri ambienti domestici!
Se ci fate caso i colori proposti oggi per i piccoli mobili e per gli accessori sono molto vivaci, mentre gli elementi più importanti come il divano, la cucina, il letto, vengono proposti con colori neutri, variazioni di beige e grigio e naturalmente bianco!
via Design to inspire
via lushome
Insomma oggi si punta moltissimo sugli accessori anche in casa: pareti coloratissime e piccoli oggetti che possono catturare l'attenzione.
Ed è proprio con questi principi che il restyler lavora per il suo cliente! Invece di proporre cambiamenti rivoluzionari, dà consigli sugli accessori e sulla disposizione dei vari elementi che compongono lo spazio della vita domestica, limitando quindi in modo molto evidente sia i costi che i tempi di realizzazione!
via design to inspire
 Il rosso, come il giallo spicca tantissimo nel contesto degli altri colori, per questo bastano piccoli tocchi, senza esagerare, per dare già un aspetto diverso all'ambiente, come in questa cucina in cui sono i piccoli elettrodomestici a dare carattere all'ambiente!
via Freshome
Poi c'è sempre chi esagera un po' con il rossetto... ma per fortuna in questo caso si tratta di un'installazione artistica alla Tate gallery...
via Apartment therapy
In realtà basta proprio poco per dare quel tocco di "red" che ci vuole per ravvivare lo stile della nostra casa...
via the yellow cape code
via huamao
via Heart home mag
E quest'ultima immagine è proprio un leggero velo di rosso sulle labbra!!!! 
Troverete altre foto molto, anzi, leggermente red sul mio board di pinterest "Touch of red" ... e come potevo chiamarlo altrimenti?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...